La superstar della lirica Vittorio Grigolo in un recital per la città di Arezzo

4' di lettura 22/02/2024 - La superstar della lirica Vittorio Grigolo in un recital per e nella sua città: Arezzo.

Sabato 2 marzo alle 19.00 al Teatro Petrarca (via Guido Monaco 12) l’iconico tenore sarà protagonista di una serata su arie d’opera nell’ambito della Stagione Concertistica Aretina, il cartellone di appuntamenti promosso da Fondazione Guido d’Arezzo e Comune di Arezzo con la direzione artistica di Giovanni Andrea Zanon e il sostegno del Ministero della Cultura. Ad accompagnarlo lungo un programma che si snoderà tra brani di Giuseppe Verdi e Ruggero Leoncavallo, Vincenzo Bellini e Gaetano Donizetti, Giacomo Puccini e Giacchino Rossini, la pianista georgiana Mzia Bachtouridze, già collaboratrice del Teatro Bolshoi. Nato ad Arezzo e cresciuto a Roma, Vittorio Grigolo è tra i più importanti tenori del firmamento operistico contemporaneo con una carriera costellata di successi: da quando, a soli 23 anni, diventa il più giovane tenore a inaugurare il Teatro alla Scala nel concerto verdiano di apertura stagione sotto la direzione del Maestro Riccardo Muti, a quando, nel 2010, debutta oltreoceano come Rodolfo ne’ “La bohème” conquistando all’istante il Metropolitan Opera di New York. Non solo: innumerevoli sono le sue incursioni e i suoi legami con la musica pop e i suoi grandi interpreti: nel 2015 condivide il palco dell’Arena di Verona con Brian May e l'anno successivo è con Sting alla Carnegie Hall. Emozionante poi la sua interpretazione di “Caruso” di Lucio Dalla, col quale ha condiviso una grande amicizia (info e ingressi www.fondazioneguidodarezzo.com).

L’appuntamento si aprirà con una selezione di ariette del compositore ottocentesco Vincenzo Bellini per proseguire con il delicato solo pianistico pucciniano “Foglio d’album”, probabilmente scritto durante il soggiorno a New York dell’operista lucchese. Avanti con “La danza” di Gioacchino Rossini, brano in stile Tarantella napoletana inscritto nella raccolta “Les soirées musicales”, e con un estratto dall’opera “Il duca d’Alba” di Gaetano Donizetti, per concludere la prima parte della serata con Giuseppe Verdi, tra un solo pianistico dal “Macbeth”, che vide Maria Callas protagonista alla Scala, e alcuni brani da “Il Corsaro” che includeranno il celeberrimo “Tutto parea sorridere”. Via alla seconda parte con alcuni dei brani più amati del grande autore di romanze Francesco Paolo Tosti – tra cui “A’vucchella”, con testo di Gabriele d’Annunzio – e con un momento pianistico in omaggio al compositore georgiano Giya Kancheli, di cui saranno eseguite le “5 miniatures”. Ancora spazio alla romanza con “Musica proibita”, scritta nel 1881 dall'allora ventenne Stanislao Gastaldon, che grazie a questo brano fu subito consegnato a chiara fama. Ci si avvia poi verso la fine del recital con un intermezzo per piano solo da “La cavalleria rusticana” di Pietro Mascagni, la famosa romanza “Mattinata”, scritta da Ruggero Leoncavallo di cui fu primo interprete Enrico Caruso, e l’intermezzo pianistico n.1 di Miguel Ponce. Chiusura affidata a “'O paese d' 'o sole”, tra le massime espressioni dei tempi d'oro della canzone napoletana, scritta da Vincenzo D'Annibale e Libero Bovio.

Vittorio Grigolo ha calcato, nel corso della sua luminosa carriera, i palcoscenici più prestigiosi del mondo: Teatro alla Scala, Royal Opera House di Londra, Staatsoper di Vienna, Gran Teatre del Liceu di Barcellona, Opéra National de Paris, Chorégies d'Orange, Bayerische Staatsoper di Monaco di Baviera, Opernhaus di Zurigo, Staatsoper e Deutsche Oper di Berlino. Importanti anche le tournée a cui prende parte, l’ultima in Giappone con il Teatro dell’Opera di Roma, e gli innumerevoli recital e concerti tra cui quello sotto la Tour Eiffel davanti a oltre 800.000 persone. Si esibisce sotto la direzione dei più grandi direttori, da Lorin Maazel a Zubin Mehta, Myung-Whun Chung, Gustavo Dudamel, Riccardo Chailly, Antonio Pappano, e il regista Franco Zeffirelli che lo ha voluto come Rodolfo nella sua produzione de La bohème trasmessa in diretta dal Metropolitan. Fermamente convinto della necessità di divulgare l’opera ai giovani, con il suo innato estro è Alfredo ne’ “La traviata” alla stazione centrale di Zurigo (2008) e Nemorino ne’ “L'Elisir d'amore” all'aeroporto di Malpensa di Milano (2015). Nel 2010 interpreta il Duca di Mantova nel film-opera TV “Rigoletto a Mantova”, trasmesso in diretta e prodotto dalla Rai, su un'idea di Andrea Andermann, diretto da Marco Bellocchio, con Plácido Domingo e Ruggero Raimondi. Nel 2023 si esibisce in diretta Rai nel XXVI Concerto di Natale nell’Aula del Senato alla presenza del Capo dello Stato. Nel 2017 sul palcoscenico dell'Arena di Verona interpreta la romanza Luciano scritta da Nicola Piovani nella serata commemorativa per Luciano Pavarotti, sua ispirazione e suo mentore.

BIGLIETTI

Platea 50 euro intero, 40 euro ridotto

Palchi 40 euro intero, 30 euro ridotto

PREVENDITA BIGLIETTI

Teatro Petrarca

via Guido Monaco, 12 – Arezzo

tel. 0575 1739608 (nei giorni e orari di apertura)

Prevendita ONLINE: discoverarezzo.ticka.it

Circuito punti vendita Discover Arezzo www.discoverarezzo.com

VENDITA BIGLIETTI

Teatro Petrarca

il giorno dello spettacolo per gli spettacoli alle ore 19,00: orario 12 -14, 16 - 19

il giorno dello spettacolo per gli spettacoli alle ore 20,30: orario 12 -14, 18 - 20.30

INFO

Fondazione Guido d’Arezzo

corso Italia, 102 – Arezzo

0575 377438 - 0575377439

info@fondazioneguidodarezzo.com

fondazioneguidodarezzo.com


   

da Fondazione Guido d’Arezzo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2024 alle 15:21 sul giornale del 23 febbraio 2024 - 14 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/eQSU





qrcode